Ultimi post pubblicati

Dieta delle proteine: quali benefici apporta e perchè!

la dieta delle proteine fa dimagrire se fatta bene

In una società sempre più soggetta a sollecitazioni in ambito alimentare è difficile astenersi dalle continue tentazioni gastronomiche che offre il mercato ed ecco che ci si ritrova poi con chili in eccesso, difficili da smaltire. Le principali cause di aumento ponderale sono le macromolecole che costituiscono le categorie dei carboidrati o glucidi e dei grassi o lipidi. Esse se assunte in quantità opportune e senza sforare con la quantità, stabilita come fabbisogno quotidiano, apportano numerosi benefici a varie strutture e vie metaboliche, anche perchè rappresentano una fonte di energia disponibile a breve e a lungo termine e come ben sappiamo tutte le funzioni biologiche, o quasi, che si svolgono all’interno di questo perfetto macchinario che è il corpo umano, richiedono notevole quantità di energia.

Si stima che se non fossero presenti sistemi di rigenerazione delle molecole di ATP, che intervengono come monete di scambio energetico universale all’interno dell’organismo, il consumo netto giornaliero di tale molecola sarebbe pari a 70 kg!!!

Ma dove abbiamo lasciato l’altra importante macromolecola organica? Le proteine, a dispetto delle altre due citate, non hanno funzione energetica, bensì plastica, ciò significa che il loro contributo è legato al rifornimento di molecole aminoacidiche per la sintesi proteica e contribuiscono anche al modellamento e al mantenimento delle fibre muscolari. E’ anche vero che se si superano i 50 grammi di proteine assunte giornalmente, quantità che serve ad assolvere alle funzioni plastiche, anche queste si trasformeranno, mediante vari processi biologici, in molecole energetiche e se ingerite in abbondanza assumono la valenza di riserva energetica.

Una dieta delle proteine quindi, correttamente bilanciata, potrebbe aiutare i soggetti affetti da seri problemi di sovrappeso ad eliminare il peso in eccesso.

In una dieta delle proteine ovviamente il contenuto calorico è ridotto a circa 800 Kcal al giorno, con apporto glucidico non superiore a 50 grammi al giorno, apporto lipidico (acidi grassi monoinsaturi e polinsaturi) non superiore a 15 grammi al giorno e apporto proteico che oscilla tra 1,2 e 1,5 grammi per chilogrammo di massa magra. Questo regime, detto comunemente dieta delle proteine, dovrebbe fornire un apporto giornaliero necessario per svolgere correttamente le funzioni biologiche e per mantenere un certo livello metabolico, anche se con qualche privazione iniziale.

 

Dieta delle proteine: cos’è e quali benefici

Il contributo di questa dieta delle proteine è stato dato dal Dottor Blackburn, che nel 1973 dopo vari studi condotti, comprese come la riduzione di glucidi e lipidi, associata ad un consumo di proteine ad alto valore biologico e correttamente bilanciato, permetteva di ridurre notevolmente la massa grassa senza intaccare assolutamente la massa magra. Questo è uno dei maggiori pregi della dieta delle proteine e cioè la possibilità di eliminare soltanto le adiposità accumulate in eccesso.

I benefici apportati dalla dieta delle proteine sono molteplici: in primo luogo permette la diminuzione della massa adiposa generale e localizzata, mantiene la massa magra grazie al consumo di una base proteica bilanciata, aumenta il tono dell’umore e mantiene le attività cerebrali ad un buon livello.

Le due ultime caratteristiche citate sono dovute essenzialmente alla produzione dei corpi chetonici, molecole che vengono sintetizzate a livello epatico già dai primi giorni della dieta proteica. Le tre molecole in questione sono: l’acetoacetato, il beta-idrossibutirrato e l’acetone; quest’ultimo è una sostanza altamente volatile che viene eliminata con la respirazione, ecco perchè nelle prime fasi di dieta a base proteica si presenta alito acetonico e una chetoacidosi controllata.

I corpi chetonici, derivanti da scissione di molecole lipidiche, riducono il rilascio di insulina da parte del pancreas con effetto lipogenico, mentre stimolano il rilascio del glucagone con effetto antagonista, ovvero lipolitico. In assenza di glucosio o in tal caso in condizioni di ridotto apporto glucidico, si ha una mobilitazione da parte dell’ormone glucagone delle scorte di materiale energetico accumulato, con il conseguente effetto di riduzione delle adiposità accumulate e dimagrimento del tessuto adiposo. D’altro canto però i corpi chetonici assumono una certa importanza biologica in quanto, se la presenza di materiale energetico è scarso l’acetoacetato e il beta-idrossibutirrato vengono trasportati nel sangue e giunti nel fegato vengono riconvertiti in acetil-coA, il quale entra nel ciclo di Krebs e produce energia.

La dieta delle proteine non provoca effetti indesiderati, quali spossatezza o cattivo umore, poichè i corpi chetonici presentano un’ulteriore valenza e cioè sono molecole energizzanti in quanto sono in grado di fornire al cervello l’energia necessaria per funzionare correttamente e questo gioca a favore, donando un effetto antidepressivo, che si trasforma addirittura in senso di euforia. Inoltre donano anche un effetto anoressizzante, che poi è quello che determina il buon esito del trattamento dietetico e viene indotto dall’azione che i corpi chetonici sviluppano a livello ipotalamico, stabilendo nell’arco di tempo che va dalle 48 alle 72 ore la scomparsa del senso di fame, dovuta proprio all’accumulo nell’organismo  di corpi chetonici.

Dieta delle proteine favorisce la perdita di massa grassa e di peso

La dieta delle proteine è indicata in genere per chi è in forte sovrappeso.

La dieta delle proteine è indicata per le persone in forte sovrappeso, con problemi dell’apparato locomotore, in aumenti ponderali successivi alla menopausa, in fasi pre-operatorie, quando risulta necessaria la perdita di peso in modo efficace ed infine nei casi di obesità con BMI ( indice di massa corporea ) > 30. Ideale anche abbinare al regime alimentare anche un integratore naturale specifico per la perdita di peso, come il nostro Dhyma Detox, a base di Garcina, Cardo Mariano e Betulla, che aiuta a diminuire la massa grassa agendo sull’attività metabolica del fegato e limitando l’assorbimento degli zuccheri.

 

Avvertenze sulla dieta delle proteine

Ribadendo che intraprendere un regime alimentare di questo tipo è una decisione da prendere esclusivamente con il proprio nutrizionista/dietologo, sono escluse invece dal trattamento della dieta delle proteine le persone affette da patologie renali, ematopatie, disturbi del comportamento alimentare, soggetti affetti da patologie psicologiche o diabetici insulino-dipendenti. Bisogna poi utilizzare particolari accorgimenti nel caso in cui si ritenga necessario, in accordo con un nutrizionista, di dare avvio alla dieta delle proteine, assumendo almeno 2 litri di acqua al giorno in modo tale da eliminare le tossine prodotte, integrare il potassio che potrebbe essere carente specie nelle prime due settimane di dieta più controllata e ridurre l’attività fisica al massimo a 3 volte a settimana, svolgendola in modo moderato. Per eliminare le tossine dal corpo, se non si beve molto, ci si può aiutare con un altro integratore naturale, Fito D, ottimo per drenare in maniera efficace perchè contiene i principi attivi di piante come la Betulla, l’Ananas e la Rodiola.

 

E le proteine poi?

Abbiamo in generale parlato di dieta delle proteine, ma esse non le abbiamo ancora differenziate nelle categorie principali: proteine animali e vegetali.

In generale la qualità proteica degli alimenti di origine animale è più elevata, in quanto contengono tutti gli aminoacidi essenziali che servono al nostro corpo per funzionare al meglio. Le proteine vegetali sono invece carenti di alcuni aminoacidi essenziali e affinchè diano un buon contributo alimentare è sempre bene abbinarle ai cereali, che colmano le carenze nutrizionali di cui abbiamo detto. Non si hanno quindi particolari controindicazioni nel voler consumare maggiormente alimenti di tipo vegetale, purchè integrati come detto. Per le proteine di origine animale bisogna fare un differenziamento, in quanto le carni rosse presentano un buon valore proteico, ma hanno anche un discreto quantitativo di grassi saturi dannosi alla salute, mentre le carni bianche hanno un contenuto ridotto di grassi saturi e quindi migliore valore nutrizionale.

Se effettuata correttamente la dieta delle proteine può apportare notevoli benefici alla salute in primo luogo e anche al peso-forma.

 

Avete mai intrapreso un trattamento dietetico su base proteica? Se si, quali sono stati i risvolti?

 

Autore: Ivana Infantino

 

Condividi
Mega World News Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google Yahoo Buzz StumbleUpon Weekend Joy

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code
     
 

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>


Inserisci la tua mail per ricevere
tutti gli aggiornamenti del blog

Condividi
Mega World News Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google Yahoo Buzz StumbleUpon Weekend Joy